La verità sul fantasma di una donna che stava terrificando l’Argentina

Si è parlato moltissimo del fantasma che ha terrorizzato il tratto autostradale tra Rosario e Santa Fe, in Argentina, a tal punto che gli operatori del casello autostradale si sono rifiutati di fare il turno di notte per paura di questo fantasma. Essi raccontano di porte che si chiudono da sole, quando invece loro le lasciano aperte, inoltre si odono rumori raccapriccianti, si assiste ad apparizioni misteriose e succedono cose strane ed inquietanti.

Pare, che dietro al casello ci sia un bosco, che lo separa da un cimitero (il cimitero comunale “San Lorenzo”), da dove invece provengono dei rumori ancora più agghiaccianti, di oggetti che sbattono come catene e scricchiolii, senza contare versi e gemiti spettrali. Forse, si ipotizza, sono gli Spiriti di persone morte in incidenti violenti verificatisi su quel tratto di autostrada.

Più volte, e da più persone è stato segnalato l’avvistamento del fantasma di una donna vestita di bianco, che vaga sul marciapiede, anche dagli automobilisti, uno dei quali ha raccontato che questa figura lo rincorreva avvicinandosi mano mano, cosa impossibile andando lui alla velocità di 100 km orari, eppure quella figura lo ha superato ed ha continuato in avanti fino a dissolversi nel buio.

Un altro ancora, si è fermato perché questa donna saltava ed invocava aiuto agitando le braccia, vicino ad un fosso su cui si rifletteva una luce fortissima, però quando si è avvicinato la persona era scomparsa e la luce si era spenta. Non si sa se queste storie siano vere, ma è comunque sicuro che le foto siano false, visto che confrontando le foto, una col fantasma e l’altra senza, ci sono parecchie cose che non coincidono, come lo sfondo, inoltre l’immagine della donna è stata estratta da un filmato del 2003, di David Rebordão, che raccontava la leggenda di Teresa Fidalgo, l’autostoppista di cui abbiamo precedentemente parlato in questo blog.

È probabile dunque, che questa immagine, esibita come documento, sia stata elaborata esclusivamente per fornire una prova delle apparizioni di questi fantasmi, che i testimoni giurano di aver visto, anche perché il sindacato dei lavoratori al casello ha specificato di non aver ricevuto alcun reclamo dai casellanti del turno di notte, e non si spiega quindi il motivo per cui quella testata giornalistica, la prima ad aver pubblicato la notizia (il 22 giugno del 2015), abbia inventato questo astruso particolare. Sicuramente, noi pensiamo, sarà stato per rafforzare la tesi, che quel posto sia infestato da anime perdute decedute con violenza.

Video inserito il: 7 febbraio 2017 (si trova alla fine della presente pagina)

Link Utili:

loading...
1016
02:35
Voti: 0
VIDEO SIMILI SULLA BACHECA

Lascia un commento

error: Il contenuto è protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, La Bacheca di Kabyria utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Puoi scegliere tu stesso se accettare o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso l'apposito pulsante presente in basso nel footer del sito (alla fine della pagina). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi